Agcom: asta tv con solo 3 frequenze, fuori Rai, Mediaset e T.I.Media

MILANO (MF-DJ)–L’Agcom ha approvato il provvedimento che stabilisce le regole per l’asta tv: una gara con solo tre multiplex per il digitale terrestre, a cui non potranno partecipare i gruppi che hanno gia’ dai 3 mux in su, ossia Rai, Mediaset e Telecom Italia Media.
Ora, scrive Italia Oggi, la palla passa al ministero dello Sviluppo Economico che concretamente dovra’ approvare il bando e gestire la procedura.
Il provvedimento dell’autorita’ guidata da Angelo Marcello Cardani, contiene dunque diverse modifiche rispetto alla prima bozza, intervenute dopo che il documento ha subito il vaglio dell’Unione europea, per via della procedura di infrazione che l’Italia ha ancora aperta sul settore. Sono spariti 3 dei sei lotti che prima erano a gara, ma in verita’ non e’ una grande perdita: si tratta dei tre multiplex che nella prima bozza erano destinati a una licenza di soli cinque anni contro i 20 anni degli altri, per poi passare alla banda larga mobile. Una durata ritenuta da molti operatori troppo breve per poter programmare investimenti. Fra i tre gruppi esclusi, a essere stato penalizzato maggiormente e’ Telecom Italia Media che possiede soltanto tre multiplex contro i 5 (considerati anche Dvb-h e Dvb-t2) di Mediaset e Rai.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi