WIND: 1 MILIARDO IN 5 ANNI PER RETE ULTRAVELOCE

ACCORDO CON SIRTI E CINESI DI HUAWEI

(ANSA) – ROMA, 12 APR – Wind sbarca nelle reti ultraveloci ed annuncia la realizzazione con un miliardo di investimenti della sua rete LTE (Long Term Evolution) di quarta generazione. L’obiettivo è quello di raggiungere in un arco di tempo di 5 anni una copertura capillare a 4G di tutto il territorio nazionale. Partner dell’operatore telefonico nell’operazione saranno l’italiana Sirti, specializzata nella progettazione, installazione e manutenzione di infrastrutture di rete, e Huawei, operatore Ict cinese (come la Hutchinson Whampoa che sta trattando con Telecom) che ha creato un centro di ricerca a Milano. Wind mette così a frutto le frequenze acquistate per 1,1 miliardi nell’asta del 2011 con lo scopo di intercettare la crescita esponenziale del traffico dati sui sempre più diffusi tablet e smartphone. “La nuova rete – ha spiegato l’amministratore delegato Maximo Ibarra – sarà  in grado di sostenere la crescente domanda di capacità  legata al mobile internet, rendendo accessibili servizi e contenuti multimediali in mobilità  con una tecnologia di ultima generazione”. All’orizzonte c’é però già  una nuova asta, quella delle frequenze in banda 700 che l’Agcom destina proprio alle tlc. Si tratta, continua Ibarra, di bocconi “indispensabili e sicuramente appetibili, ma – puntualizza l’a.d. – bisogna rivedere la regolamentazione. Non si può chiedere continuamente agli operatori di telefonia di investire risorse nell’asta delle frequenze e contemporaneamente anche nelle infrastrutture per far fronte alla crescita del traffico dati”. Insomma, a livello finanziario “non si possono avere le stesse aspettative di qualche anno fa”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci