Tv: per l’asta frequenze si parte da 100 mln

MILANO (MF-DJ)–Meno della meta’: la base d’asta per la gara sulle frequenze del digitale terrestre e’ di poco meno di 100 milioni di euro, non di 240 milioni, cifra che era circolata subito dopo l’approvazione del provvedimento da parte dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni.
Il testo del regolamento, scrive Italia Oggi, contiene infatti una sorpresa per quanto riguarda il prezzo di partenza dei tre lotti di frequenze, che fatti i calcoli oscilla fra i 30 e i 36 milioni ciascuno contro gli 80 ipotizzati in precedenza. Lo stesso presidente dell’Agcom, Angelo Marcello Cardani in un’intervista a Repubblica venerdi’ aveva bollato come “plausibile” l’ipotesi prospettatagli di una base d’asta di “4 milioni annui per rete in vendita, per i 20 anni di durata della concessione”, 240 milioni in totale appunto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi