Berlusconi/ Legali a Cassazione: rinvio causa elezioni Capo Stato

Ex premier chiede di essere sentito in udienza
Milano, 16 apr. (TMNews) – Silvio Berlusconi chiede di essere sentito nell’udienza del 18 aprile davanti alla Cassazione in cui si dovrà  decidere se trasferire o meno a Brescia i processi Mediaset e Ruby e anche per questa ragione i suoi legali Niccolò Ghedini e Piero Longo sollecitano un rinvio ad altra data dal momento che sia l’imputato sia gli avvocati entrambi parlamentari saranno impegnati nelle votazioni a Camere riunite per eleggere il Capo dello Stato. Gli avvocati “chiedono di poter partecipare all’udienza camerale e con il presente atto, sottoscritto anche dall’interessato, il Sen. Silvio Berlusconi chiede di essere sentito personalmente, ai sensi dell’art. 127 comma 4 c.p.p.. Ciò premesso si avanza istanza affinché la trattazione del procedimento in oggetto sia rinviata ad altra data per il legittimo impedimento sia della parte, Sen. Silvio Berlusconi, sia dei sottoscritti difensori”, si legge nell’istanza-memoria. Gli avvocati, “edotti della giurisprudenza di codesta Ecc.ma Corte circa la non ricorribilità  del legittimo impedimento dei difensori nei procedimenti che si svolgono in camera di consiglio, a prescindere dall’assorbente legittimo impedimento della parte interessata Sen. Silvio Berlusconi, si permettono di insistere perché sia riconosciuto anche il loro legittimo impedimento, attesa la peculiarità  del caso concreto sotto il duplice profilo dell’istituto della remissione ex art. 45 e seguenti c.p.p., sia in relazione alla eccezionalità  dell’impegno parlamentare evocato”. Nel caso molto probabile in cui la sesta sezione penale della Cassazione decida di accogliere la richiesta di rinviare l’udienza slitterebbero anche i processi la cui ripresa è fissata il 20 aprile per Mediaset e il 22 aprile per Ruby.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi