GIORNALISTI: IL PREMIOLINO A CHIRRI, REICHLIN, VARETTO

(ANSA) – MILANO, 16 APR – Lucrezia Reichlin, Giovanna Chirri, Sarah Varetto sono tra i vincitori del prestigioso premio giornalistico “Il Premiolino’, il più antico d’Italia, nell’edizione 2013. Questo l’elenco completo dei vincitori, categoria per categoria: Lucrezia Reichlin del Corriere della Sera, per la sezione quotidiani; Giovanna Chirri dell’ANSA, autrice dello scoop che annunciò le dimissioni di Papa Ratzinger; Sarah Varetto, direttore di SkyTg24, per i confronti delle primarie del Partito Democratico; Paolo Mondani, giornalista di Report, Rai3, per l’inchiesta su Monte dei Paschi di Siena; Giuseppe Cruciani e David Parenzo, voci de La Zanzara, per la sezione radio; Didi Gnocchi, direttore di Ultrafragola.tv, per la sezione new media; a Carlo Petrini, firma de La Repubblica e fondatore di Slow Food, è andato inoltre il Premio Birra Moretti per la Diffusione della Cultura Alimentare. I vincitori si sono distinti nel corso del 2012 “per aver contribuito (come recita il regolamento) alla difesa dell’indipendenza delle opinioni e della libertà  di stampa da qualsiasi condizionamento”. Come è consuetudine, la Giuria renderà  note le motivazioni dei premi nel corso della cerimonia ufficiale di premiazione in programma il prossimo 8 maggio a Milano, nella Sala Alessi di Palazzo Marino. La Giuria de Il Premiolino è composta da Bruno Ambrosi, Giulio Anselmi, Natalia Aspesi, Chiara Beria di Argentine, Pier Boselli, Piero Colaprico, Francesco Conforti, Ferruccio de Bortoli, Milena Gabanelli, Giancarlo Galli, Enrico Gramigna, Elio Maraone, Enrico Mentana, Morando Morandini, Alfredo Pratolongo (rappresentante di Birra Moretti), Donata Righetti, Valeria Sacchi, Beppe Severgnini e Gian Antonio Stella. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari