Internet/ Prese codici e clienti ad azienda, hacker a giudizio

Parte offesa assistita dall’avvocato Alessio Palladino
Roma, 16 apr. (TMNews) – Accesso abusivo ad un sistema informatico, e detenzione o diffusione abusiva di codici di accesso, secondo gli articoli 615 ter e quater del codice penale. Per queste accuse Francesco M., 25 anni, è stato mandato a giudizio su richiesta del pm Nicola Maiorano. Il giovane, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, in diverse occasioni sarebbe entrato attraverso i siti internet di una società  di pubblicità  cinematografica, prendendo pacchetti clienti, cartelle dati e altro. Inoltre Francesco M. si sarebbe proposto lui di svolgere i lavori dell’azienda a meno prezzo. Il processo a carico dell’imputato, che di professione fa lo sviluppatore e programmatore di siti sul web, comincerà  per decisione del gup Alessandrina Tudino il 18 febbraio 2014, davanti al giudice monocratico Luca Comand, della VI sezione penale del tribunale della Capitale. La srl parte offesa si è costituita in giudizio con l’avvocato Alessio Palladino.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti