GIORNALISTI: PREMIO UNESCO LIBERTA’ DI STAMPA A ETIOPE ALEMU

(ANSA) – PARIGI, 16 APR – Il Premio mondiale dell’Unesco 2013 per la libertà  di stampa andrà  alla giornalista etiope Reeyot Alemu, che nel suo Paese è stata condannata a cinque anni di prigione per “terrorismo”: è quanto si legge in un comunicato diffuso dall’organismo Onu per Scienza, Educazione e Cultura, con sede a Parigi. La giuria del Premio, composto da professionisti dei media, ha riconosciuto “l’eccezionale coraggio, la resistenza, e l’impegno per la libertà  d’espressione” della giornalista. Alemu si è soprattutto occupata di questioni politiche e sociali in modo critico, interessandosi alle origini della povertà  e alle diseguaglianze sessuali. Ha lavorato per molti media indipendenti. Nel 2010 ha creato la propria casa editrice e un mensile intitolato ‘Change’. Entrambi sono stati chiusi dalle autorità  etiopi. Nel 2011, mentre teneva una rubrica su Feteh, un settimanale nazionale, è stata arrestata, grazie a una controversa legge anti-terrorismo, che molte associazioni per il rispetto dei diritti umani denunciano regolarmente. Dotato di un assegno di 25.000 dollari, il premio Unesco/Guillermo Cano viene conferito ogni anno. Verrà  consegnato ufficialmente in occasione della Giornata mondiale per la libertà  di stampa, il 3 maggio, durante una cerimonia in Costa Rica. Porta il nome del giornalista colombiano, Guillermo Cano, assassinato nel 1987 per aver denunciato le attività  dei potenti baroni della droga del suo Paese. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari