Telecom/ Bernabè: Con 3 sinergie, valori fusione siano corretti

Operazione porterebbe benefici di bacini clienti complementari

Rozzano (MI), 17 apr. (TMNews) – L’ipotesi di un’integrazione tra Telecom Italia e l’operatore mobile 3, “se realizzata a valori che rappresentino in modo corretto l’effettivo apporto delle due società , presenta delle sinergie industriali che comportano riduzioni di costo in termini di strutture commerciali e di sviluppo delle reti Lte, a cui si aggiungono i benefici di due bacini di clientela complementari”. E’ quanto ha affermato il presidente esecutivo di Telecom, Franco Bernabè, nel corso del suo intervento all’assemblea degli azionisti.Le operazioni straordinarie di un possibile scorporo della rete e di un’integrazione con l’operatore mobile 3 “rappresentano delle importanti opportunità  per il gruppo che vanno naturalmente approfondite ma che potrebbero migliorare le prospettive” dei settori dei servizi di rete fissa e della telefonia mobile. Lo ha affermato il presidente esecutivo di Telecom, Franco Bernabè, nel corso dell’assemblea degli azionisti.
“Si tratta – ha proseguito – di progetti di ampio respiro che implicano nuove sfide e nuovi ambiziosi traguardi per il gruppo Telecom, per i suoi azionisti, per il management e per tutte le persone che ci lavorano”. “Sono allo stesso tempo – conclude Bernabè – progetti che richiedono una forte comunione di intenti da parte di tutte le parti coinvolte. Ancora una volta Telecom si trova nella posizione di poter anticipare un percorso sul quale altri seguiranno. Un percorso di cui Telecom intende farsi promotrice perchè, ancora una volta, di questo percorso, per quanto arduo e complesso, vuole essere protagonista”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari