Russia/ Nuova inchiesta a carico del blogger-oppositore Navalny

All’indomani dell’apertura del processo per sottrazione indebita
Mosca, 18 apr. (TMNews) – Il comitato d’inchiesta russo ha annunciato l’apertura di una nuova indagine, per frode, a carico di Alexey Navalny, il più celebre tra gli oppositori di Vladimir Putin, e del fratello Oleg. Alexey e Oleg Navalny – quest’ultimo è un alto funzionario delle poste russe – sono accusati di aver fondato una società , GPA, che avrebbe agito come intermediario per la consegna di equipaggiamenti all’ente postale “a prezzi gonfiati”, intascando la differenza. Il tutto a scapito di un gruppo commerciale, MPK, che ha poi sporto denuncia. “Le azioni dei fratelli Navalny, che hanno imposto i loro servizi di intermediari, assolutamente non indispensabili, hanno provocato un danno economico di 3,8 milioni di rubli (poco meno di 95mila euro) alla società  MKP”, si legge in un comunicato del comitato d’inchiesta. Per il reato di frode in Russia il codice penale russo prevede fino a 10 anni di carcere. Le nuove accuse arrivano all’indomani dell’avvio del processo a Kirov ad Alexey Navalny per sottrazione indebita. Secondo il comitato d’inchiesta, “questo denaro è stato trasferito sui conti della loro società  GPA e, in seguito, è stato sottratto dai fratelli Navalny”. Anche di fronte a questo sviluppo, il celebre blogger, diventato la figura più influente del fronte anti-Putin, ha tenuto la sua linea: ironia e nessun stupore. Di rientro a Mosca da Kirov (900 chilometri ad est della capitale) dove ieri è iniziato, con un immediato rinvio, il primo processo a suo carico, ha commentato via twitter. “Mi sono svegliato sul treno e ho appreso che è stata aperta una nuova inchiesta. Significa che la nostra trasferta a Kirov è stata un successo”, ha scritto in un tweet. Tra i problemi giudiziari di Navalny, oltre alla questione di furto di legname per cui è comparso ieri in tribunale, ci sono accusse di sottrazione di fondi più importanti, circa 2,5 milioni di euro, dalle casse di un partito liberale. Pochi mesi fa, inoltre, è stato accusato di aver ottenuto in modo illegale il titolo di avvocato. Navalny respinge su tutta la linea, puntando il dito a una campagna di discredito che mira a farlo tacere.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi