Rcs/ Bonomi: Ora niente su tavolo, in futuro mai dire mai

Cda concentrato a stabilizzare la compagnia
Milano, 18 apr. (TMNews) – Il patron di Investindustrial e presidente del Cdg di Bpm, Andrea Bonomi, non esclude a priori la possibilità  di un interesse in futuro per Rcs, ma assicura che al momento l’ipotesi non è sul tavolo. “Oggi il cda di Rcs è concentrato nello stabilizzare la compagnia. Stanno facendo un lavoro egregio in situazioni difficilissime. In futuro, mai dire mai, una volta che la situazione in Rcs è stabilizzata…”, ha dichiarato Bonomi a margine del forum ‘Banca & Impresa’ del Sole 24 Ore. “Ma – ha poi sottolineato – in questo momento non stiamo guardando la cosa. Direi che non c’è assolutamante niente in questo momento”. Bonomi siede nel cda di Rcs in veste di consigliere indipendente, ma non detiene alcuna partecipazione nella holding editoriale. Bonomi ha poi sostanzialmente escluso l’eventualità  della sua partecipazione alla prima fase da 400 milioni di euro dell’aumento di capitale di Rcs. “Il cda non si è posto di creare dei conflitti nè noi vogliamo creare dei conflitti in questo momento, per cui mi sembrerebbe sbagliato impegnarmi in una situazione che potrebbe essere strumentalizzata”, ha detto. L’imprenditore-banchiere ha poi ribadito che “in questo momento il cda di Rcs sta facendo un duro lavoro di rilanciare il gruppo, come vorranno poi lanciarlo in futuro starà  poi a loro decidere, direi che l’editoria, come le banche, come l’industria italiana e il nostro povero Stato – ha concluso – sono in un momento in cui devono ricostruirsi il proprio futuro”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari