CAMORRA: ‘L’ESPRESSO.IT’, INVIATO SEQUESTRATO PER UN’ORA

POSTATO VIDEO INTERVISTA A VICEPRESIDENTE CONFINDUSTRIA MONZA

(ANSA) – MILANO, 18 APR – Il giornalista dell’Espresso Fabrizio Gatti, in un video pubblicato sul sito del settimanale, denuncia di essere stato sequestrato nell’ufficio del vicepresidente di Confindustria della provincia di Monza e Brianza Mario Barzaghi, per avergli posto domande sui suoi presunti rapporti con una società  facente affari con i Casalesi. “Il vicepresidente di Confindustria Monza e Brianza – riassume il settimanale sul sito – dal 2010 al 2012 è stato in affari con una società , la Simec srl, sequestrata su richiesta della Procura antimafia di Napoli perché riconducibile a famosi prestanome dei clan della camorra. Quando l’inviato dell’ Espresso Fabrizio Gatti ha fatto domande sugli affari con la Simec, il vicepresidente di Confindustria Monza ha sequestrato il giornalista per un’ora e l’ha minacciato di morte”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari