EDITORIA: SIDDI (FNSI), SERVE RIFORMA SETTORE E 30 MILIONI

(ANSA) – BARI, 19 APR – Per il segretario della Fnsi, Franco Siddi, all’editoria “serve una riforma di settore e servono anche delle risorse essenziali, non molte, 30 milioni per almeno 3 anni di seguito”. Siddi ne ha parlato oggi a Bari a margine dell’Assemblea degli iscritti all’Assostampa di Puglia sottolineando la necessita di risorse che accompagnino “il processo di trasformazione industriale verso la multimedialità  e la crossmedialità , e che aiutino il sistema a ricomporre le tessere di un mosaico che oggi è devastato: il mosaico di un’informazione apparentemente molto ricca, disponibile in grandissima quantità , ma caotica”. “Oggi più di ieri – ha rilevato – c’é bisogno di giornalisti al lavoro e in condizioni degne: serve il contratto di lavoro per il quale abbiamo lanciato la sfida agli editori che devono cogliere questa opportunità  nel tempo della crisi come opportunità  regolatrice”. “Serve – ha ribadito – un intervento pubblico di garanzia con un fondo dell’editoria nuovo e gestito in forma indipendente, verso il pluralismo ma anche verso un’occupazione qualificata”. E serve, ha aggiunto, “un nuovo welfare per il settore, che va fatto tutti insieme: giornalisti, editori, Stato. Se una sola di queste parti si sottrae è evidente che avremo un problema sul lavoro enorme, ma avremo un problema di democrazia più grave”. “Sia ben chiaro – ha concluso – i giornali senza giornalisti non si possono fare e, quindi, i piani di ristrutturazione in corso devono avere un limite. Ma perché i giornali possano reggere, sia i vecchi che i new media con un apparato organizzativo di professionisti all’altezza della situazione, è necessario cambiare passo”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari