La Carta di Milano per chi scrive di detenuti e carceri

Nuove norme per tutti i giornalisti italiani che scrivono di imputati e detenuti. Sono contenute nella ‘Carta del carcere e della pena’ (o ‘Carta di Milano’), il protocollo deontologico che regola l’informazione sul mondo carcerario approvato il 13 marzo 2013 dall’Ordine nazionale dei giornalisti.
La Carta, messa a punto e adottata già  da un paio di anni dagli Ordini della Lombardia, dell’Emilia Romagna e del Veneto – e ora estesa a tutta l’Italia – riafferma il dovere professionale di rispettare la dignità  della persona e la verità  sostanziale dei fatti osservati, tenendo conto della complessità  del contesto carcerario e facendo particolare attenzione alla delicata fase di reinserimento nella società .

In allegato il testo integrale.

– Carta di Milano (.doc)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Agcom, crisi editoria richiede ampia riflessione, in 10 anni perso metà del peso. Cardani: Sic vale 17,6 mld

Classifica dei quotidiani più diffusi a maggio (carta+digitale). Calano tutti e tanto tranne Avvenire, Gazzettino e Fatto

Corriere.it o Repubblica.it? Solo un lettore su tre sceglie, la maggioranza legge entrambi