INTERNET: DIGITAL FESTIVAL, LA 4/A EDIZIONE SBARCA A TORINO

IN ITALIA SOLO 41% AZIENDE SUL WEB, PROMUOVERE CULTURA DIGITALE

(ANSA) – TORINO, 22 APR – Promuovere una cultura del digitale, inteso come mezzo utile e necessario in tutti i settori della vita, da quello lavorativo e di business, a quello quotidiano legato ai servizi di ogni sorta, in un paese poco digitalizzato e in cui solo il 41% delle aziende sono sul web. E’ lo scopo della 4/a edizione del Digital Festival che si terrà  a Torino dal 3 al 30 maggio. L’evento (le prime due edizioni furono a Milano, la 3/a a Bergamo) è stato presentato oggi nella sede Rai di Torino, uno dei tanti partner del Festival ideato da LuoghiDiRelazione insieme a SeatPg, in collaborazione con vari soggetti tra cui La Stampa, Nova, Phid, Duepuntosero Doxa, Il Salone del Libro, il Politecnico di Torino, Regione Piemonte, Comune di Torino. Per 16 giorni attraverso i social network e programmi ad hoc sarà  coinvolta tutta l’Italia con momenti di confronto con esperti e non, articolato su 4 temi che vedono le loro dinamiche influenzate dal digitale: Job, Business, Creativity e People. Un modo per promuovere anche connessioni allargate a tutti per vivere il web in modo collettivo come nel caso del progetto nazionale ‘Cene Social Eating’ che partirà  l’11 maggio. “La digitalizzazione ha anche cambiato il mondo interno alle aziende, la gestione organizzativa e del personale oltre al mercato – ha detto Marco Minghetti, autore del volume-ricerca ‘L’intelligenza collaborativà  (Egea), che verrà  presentato a Torino – si tratta per le aziende di trasformarsi al loro interno e di promuovere nuovi modelli di leadership capaci di fare lavorare a gruppi interconnessi”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti