Mondadori/ Assemblea approva bilancio, Mauri confermato ad

Confermato nel board anche Pellegrini
Segrate (Milano), 23 apr. (TMNews) – L’assemblea della Mondadori, riunitasi oggi a Segrate, ha approvato il bilancio 2012, che si è chiuso per il gruppo con una perdita di 167,3 milioni di euro rispetto all’utile di 49,6 milioni del 2011, mentre il fatturato è calato del 6% a 1.416 milioni (-8,6% a perimetro omogeneo) e il margine operativo lordo consolidato e’ risultato pari a 66,5 milioni (-49%). L’assemblea ha poi deciso di mantenere in 14 il numero degli amministratori, confermando in consiglio d’amministrazione il nuovo amministratore delegato Ernesto Mauri (cooptato nel marzo scorso dopo che Maurizio Costa aveva lasciato l’incarico e aveva assunto la vice presidenza di Fininvest) e Danilo Pellegrini (direttore generale di Fininvest, cooptato a febbraio in sostituzione di Roberto Briglia). Il cda, riunitosi subito dopo l’assemblea, ha confermato lo stesso Mauri nella carica di a.d. Riguardo alle dimissioni di Costa, il presidente della Mondadori, Marina Berlusconi, rispondendo agli azionisti ha ribadito che sono state determinate da “motivazioni personali alle quali si sono aggiunte riflessioni con l’azienda in totale armonia dopo i 16 anni passati alla guida del gruppo e che rappresentano un tempo molto lungo. Costa – ha sottolineato Marina – ha lavorato benissimo per il gruppo e a lui va tutta la nostra stima e gratitudine, che abbiamo dimostrato nominandolo vice presidente della nostra holding”. In merito, poi, all’esercizio 2013, durante l’assemblea il cfo Carlo Maria Vismara ha ribadito che “si può prevedere un livello di redditività  operativa inferiore rispetto al 2012”, come già  era stato indicato a suo tempo nel comunicato sui conti. Vismara ha inoltre sottolineato che “nel 2013 le priorità  consistono nel proseguire l’azione dir razionalizzazione della struttura e di riduzione dei costi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari