MONDADORI: M. BERLUSCONI, AZIENDA SU STRADA GIUSTA

PAROLA D’ORDINE ‘CAMBIARE’, IN PRIMIS PER ATTIVITA’ TRADIZIONALI

(ANSA) – MILANO, 23 APR – “E’ una crisi senza precedenti e le nostre attività  non fanno certo eccezione. Ma la Mondadori é sulla strada giusta”. E’ il commento di Marina Berlusconi, presidente di Mondadori, interpellata dall’ANSA. “Nell’ editoria oggi la parole chiave è una sola: ‘cambiamento’ innanzitutto per le attività  tradizionali”.   “Mondadori – ha aggiunto all’ANSA Marina Berlusconi, presidente di Fininvest e Mondadori, al termine dell’assemblea della casa editrice che si è tenuta stamane a Segrate – ha chiuso il 2012 con un risultato che, al netto delle svalutazioni, sarebbe comunque stato in utile”. “E’ già  stato fatto un grande lavoro sulla riduzione dei costi e sulla revisione del portafoglio – ha precisato -, occorre andare avanti con incisività  ancora maggiore. Abbiamo motivo di essere fiduciosi: se la solidità  e la forza delle aziende in fasi come queste si misura anche, o soprattutto, sulla loro capacità  di reagire con coraggio, di reinventarsi, Mondadori è sulla strada giusta”. “Nell’ editoria – ha proseguito – oggi la parole chiave è una sola: ‘cambiamento’. Un cambiamento a 360 gradi. Non si tratta di rinnegare il passato, ma di prendere atto che il modo in cui il mestiere dell’editore è stato fatto fino ad oggi non é più sostenibile. E questo cambiamento deve riguardare innanzitutto la gestione delle attività  ‘tradizionali’. Dalle quali, ricordiamolo bene, arriva il 90% dei ricavi del settore. Occorrono un passo e una logica diversi, sia per salvaguardarle, sia perché è da lì, è da quello che abbiamo sempre fatto, che possiamo trarre le risorse per investire, come è indispensabile, in qualità  e in tutto quello che rappresenta il nuovo”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari