SALONE LIBRO: DIRETTORE KERMESSE STOPPA GRILLO, NO PIFFERAI

MA PICCHIONI E COPPOLA LO CORREGGONO, LINGOTTO E’ APERTO A TUTTI

(ANSA) – TORINO, 23 APR – “Il Salone del Libro non ha mai ospitato, né mai ospiterà , comizi di pifferai magici, burattinai digitali e tenutari di set”: l’affondo è del direttore della bookmesse del Lingotto, Ernesto Ferrero, che durante la presentazione della manifestazione fatta oggi ha citato espressamente Beppe Grillo. “Ho letto maliziosi rumors – ha detto Ferrero – in cui si alludeva alla possibilità  che Grillo facesse la sua apparizione al Salone. Temo che chi lo ha scritto ci conosca male”. La boutade, che Ferrero ha poi spiegato ad alcuni giornalisti riferendo che qualche contatto con il leader del Movimento 5 Stelle c’é stato ma che non se ne è fatto nulla, è stata successivamente corretta dal presidente del Salone, Rolando Picchioni, e dall’assessore alla Cultura della Regione Piemonte, Michele Coppola. “Chiunque si affacci al nostro Salone – ha affermato Picchioni – è il benvenuto, purché la sua presenza sia in linea con lo spirito della manifestazione. La porta è aperta anche a Beppe Grillo, come a chiunque voglia intervenire per confrontarsi seriamente sui problemi dell’Italia”. “Il Salone del Libro – ha rimarcato anche Coppola – è una casa che appartiene a tutti. Ha sempre lasciato fuori le giacche diverse, e proprio questo – ha rimarcato – è uno dei segreti del suo successo”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi