da brand director a direttore della ‘Cucina Italiana’

Da bambina ritagliava le recensioni dei ristoranti sull’Espresso e le incollava su un quadernino, c’è da stupirsi se oggi è il direttore della Cucina Italiana? Su quella poltrona Anna Prandoni siede dal 7 marzo, dopo una dozzina d’anni di simbiosi con il mensile della Quadratum e la sua Scuola di cucina. “Sono arrivata qui nel 2000, quando mi mancavano quattro esami alla laurea in scienze politiche. Cercavano due persone, un redattore per gli Speciali della Cucina Italiana e un assistente per Allan Bay, che allora dirigeva la scuola”, racconta. “Ho fatto il colloquio con Paola Ricas, che mi ha bocciata. Allan Bay invece mi ha presa”. Un anno dopo Bay lascia l’incarico e lei, a 26 anni, si ritrova direttore della scuola. Nel 2007 diventa web editor e brand director della Cucina Italiana, incarichi che ora mantiene in aggiunta alla direzione.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 438 – Aprile 2013

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rolling Stone, copertina anti Salvini. Mentana: scorretti. Lucarelli (ex direttore): guardatevi in casa, editore illiberale e ostile

Chef in tv. Klugmann lascia Masterchef: partecipare al programma significa chiudere il mio ristorante

Santoro si candida per il Cda Rai: manderò il curriculum a Camera e Senato