Rcs: spunta ipotesi Cda ristretto

MILANO (MF-DJ)–Un cda sempre piu’ ristretto. Piu’ che dimezzato rispetto al board che si riuniva non piu’ tardi del dicembre 2011.   Il processo di ristrutturazione e rilancio di Rcs Mediagroup, scrive MF, potrebbe passare dall’ennesimo snellimento del consiglio d’amministrazione gia’ sceso a 13 unita’ a partire dal giugno scorso quando si e’ concretizzato il rinnovo dei vertici aziendali. Il Cda di Rcs sarebbe composto solo da dieci membri, uno dei quali (Cesare Romiti) con la carica simbolica di presidente onorario. Ad affiancare il presidente Angelo Provasoli e l’ad Pietro Scott Jovane resterebbero i due vicepresidenti, il super consulente tedesco Roland Berger e il primo azionista singolo di Via Rizzoli Giuseppe Rotelli (16,55%), Luca Garavoglia, azionista di riferimento del gruppo Campari, Fulvio Conti, ad dell’Enel, il notaio ed ex presidente Piergaetano Marchetti, l’imprenditore Carlo Pesenti del gruppo Italcementi, terzo socio del patto con il 7,747% che non ha ancora sciolto i dubbi sulla partecipazione alla ricapitalizzazione, e Laura Carla Mengoni, unica rappresentante delle quote rose nel board.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari