RCS: DELLA VALLE E BENETTON VOTERANNO CONTRO AUMENTO

LETTERA AL CDA, BOARD DI 5 ORE SU PERDITE E RICAPITALIZZAZIONE

(AGGIORNA E SOSTITUISCE SERVIZIO DELLE 21.27) (ANSA) – MILANO, 28 APR – Diego Della Valle e i Benetton voteranno contro l’aumento di capitale da 400 milioni di Rcs alla prossima assemblea di fine maggio. Lo hanno preannunciato in una lettera, secondo quanto si e’ appreso al termine di una lunga riunione del Cda. Della Valle ha una quota dell’8,7% ed Edizione dei Benetton una partecipazione del 5% fuori dal patto che oggi blinda col 58% la casa editrice del Corriere della Sera. La famiglia di Ponzano Veneto aveva gia’ fatto sapere che non avrebbe aderito alla ricapitalizzazione e un orientamento simile aveva lasciato intendere anche mister Tod’s. Quest’ultimo ha scritto gia’ due lettere al Cda per contestare le modalita’ dell’aumento che promette di essere molto diluitivo, quindi penalizzante per chi non lo sottoscrivera’. Della Valle aveva anche minacciato azioni legali. Poi ha deciso una nuova mossa, questa volta trovando in Gilberto Benetton un’alleato, per portare il proprio dissenso al voto in assemblea. Proprio oggi il board ne ha deciso la convocazione dopo aver esaminato la trimestrale della capogruppo, che segna ancora un profondo rosso, e aver aggiornato quindi al 31 marzo la perdita di 509 milioni segnata a livello di gruppo nel 2012. Sulla base delle nuove cifre e’ stato deciso un abbattimento importante del capitale, da proporre all’assemblea, che passera’ anche attraverso l’accorpamento delle azioni. I soci dovranno poi esprimersi sull’aumento da 400 milioni. Sulla carta l’operazione risulta coperta al 91%: gli azionisti del patto hanno preso impegni sul 44% cui si aggiungera’ l’intervento aggiuntivo di Intesa e Fiat e il salvagente fornito dalle banche del consorzio di garanzia. Ma l’ultimo mossa di Della Valle e Benetton non contribuisce certo a rasserenare il clima, gia’ scosso, per quanto riguarda il Cda, da una serie di dimissioni. Le ultime da parte di Andrea Bonomi, impegnato anche nella partita Bpm. Prima di lui aveva lasciato Paolo Merloni in polemica con le scelte del board. L’imprenditore, le cui dimissioni avranno efficacia a partire dalla prossima assemblea, ha comunque ritenuto di esserci alla riunione odierna. Assente invece Giuseppe Vita, che ha lasciato l’incarico a partire dall’appuntamento dei soci del prossimo mese, per i conflitti di interesse legati al doppio incarico di presidente di Unicredit (una delle banche creditrici di Rcs insieme a Bpm) e del colosso editoriale tedesco Axel Springer. Per gli altri amministratori la discussione di oggi e’ stata impegnativa ed e’ durata oltre cinque ore anche perche’ non ha trascurato gli aspetti tecnici legati ai temi sul tappeto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari