Iraq/ Sospesa la licenza a 10 emittenti tv: incitano “settarismo”

Colpite al Jazeera e il principale canale iracheno, Sharqiya
Baghdad, 29 apr. (TMNews) – L’Iraq ha sospeso la licenza a 10 emittenti televisive satellitari, tra cui al Jazeera, accusate di incitare il “settarismo”, dopo le violenze dei giorni scorsi, costate la vita a oltre 220 persone. “Abbiamo deciso di sospendere la licenza ad alcuni canali satellitari che usano un linguaggio che incita alla violenza e al settarismo”, ha detto alla France presse un alto funzionario della Commissione per le comunicazioni e i media, Mujahid Abu al-Hail. La misura riguarda Al-Jazeera, la principale emittente del mondo arabo, e Sharqiya, principale canale iracheno. Gli scontri sono scoppiati martedì scorso nel nord del Paese tra le forze di sicurezza e manifestanti arabo-sunniti anti-governativi, alimentando il timore di un ritorno alle violenze di matrice confessionale del passato, che fecero decine di migliaia di morti. Sabato scorso, il premier iracheno Nouri al-Maliki ha ammonito sul rischio che lo scontro settario “torni in Iraq, perchè è iniziato in un’altra zona di questa regione”, facendo riferimento alla Siria.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi