Cinema: 8,5 mln Euro per ”Iron Man 3”, nel mondo gia’ incassati 195 ml

(ASCA) – Roma, 29 apr – Attesissimo, il terzo capitolo di ”Iron man” diretto da Shane Black e con protagonisti Robert Downey Jr., Gwyneth Paltrow, Ben Kingsley e Don Cheadle, ha gia’ totalizzato in Italia 8.576.941 euro e si appresta a scalare la classifica dei 10 film piu’ visti della stagione. Il film, che negli Usa uscira’ il 3 maggio, ha gia’ incassato nei primi paesi dove e’ uscito 195 milioni di dollari. Tra gli altri film usciti il 24 aprile si piazza al 5* posto ”Viaggio sola”, all’8* ”Le streghe di Salem” e al 10* ”Kiki -Consegne a domicilio”. 19* ”Qualcuno da amare” (totale 49.456 euro). ”Viaggio sola” ha registrato la migliore media a copia dopo ”Iron Man 3”. Il film d’animazione ”I Croods” ha superato gli 11 milioni di euro. Posizione, titolo, schermi, media a copia e Incasso totale (Dati Cinetel). 1) Iron man 3 – 6.941.268 euro / 862 / 8.053 / Totale 8.576.941 euro. 2) Attacco al potere – 912.521 euro / 331 / 2.757 / Tot. 2.597.486 euro. 3) Scary Movie 5 – 824.612 euro / 379 / 2.176 / Tot. 2.711.050 euro. 4) Oblivion – 538.425 euro / 286 / 1.883 / Tot. 3.815.603 euro. 5) Viaggio sola – 397.062 euro / 88 / 4.512 / Tot 422.486 euro. 6) I Croods – 329.457 euro / 228 / 1.445 / Tot. 11.061.418 euro. 7) Ci vediamo domani – 268.015 euro / 176 / 1.523 / Tot. 1.617.238 euro. 8) Le streghe di Salem – 244.623 euro / 196 / 1.248 / Tot. 286.895 euro. 9) Passione sinistra – 242.344 euro / 201 / 1.206 / Tot. 693.563 euro. 10) Kiki -Consegne a domiciio – 228.273 euro / 193 / 1.183 / Tot. 244.700 euro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo