GOVERNO: 100 AUTORI, MISURE URGENTI SETTORE AUDIOVISIVO

(ANSA) – ROMA, 29 APR – L’associazione 100 autori “guarda con attenzione ed interesse al varo del nuovo Governo”, e tiene a ricordare al premier Enrico Letta che “il settore del cinema e dell’audiovisivo hanno bisogno di urgenti e coraggiose misure che ne consentano il rilancio e la definitiva stabilizzazione, permettendo di esprimere appieno le proprie potenzialità  e di divenire finalmente settore strategico di sviluppo per il Paese”. L’associazione fa notare quindi che auspicava che il nuovo Ministro della Cultura fosse persona con cui è bello parlare di cultura perché sai che ti capisce” e nota “con interesse che Massimo Bray ha impostato la sua campagna elettorale proprio su questi temi e proviene dal mondo della produzione culturale. Ce ne rallegriamo e chiediamo ora di aprire un dialogo con il mondo produttivo dell’audiovisivo tutto, per attuare riforme e liberalizzazioni che modernizzino il settore”. Nel rivolgere anche al Ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, “i migliori auguri di buon lavoro, gli sottoponiamo due imprescindibili nodi da sciogliere: la immediata realizzazione dell’asta delle frequenze, da cui attingere risorse che finalmente ritornino all’audiovisivo e la definitiva redazione del Contratto di Servizio RAI. Sono due snodi che servono al tanto atteso riordino della produzione audiovisiva e potranno essere il banco di prova di nuove e future sfideìì. L’associazione 100autori si augura che questo governo “ripristini la buona pratica della consultazione delle parti interessate alle riforme di sistema che da anni – conclude – auspichiamo, e dichiara la sua incondizionata disponibilità  ad un confronto che sia serio, continuativo e costruttivo”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi