Rcs: patto non obbliga soci a voto unanime

MILANO (MF-DJ)–Il patto di sindacato di Rcs non e’ un patto di voto, ma un patto di blocco e consultazione. Questo significa che ogni socio e’ libero di votare come crede in sede assembleare.
E’ quanto si e’ appreso da una fonte vicina al patto di sindacato che ha spiegato come per la votazione relativa all’aumento di capitale “l’ago della bilancia sara’ Rotelli” cui fa capo il 16,6%. Di fatto, oltre al 13,8% che fa capo agli azionisti Della Valle ed Edizione, potrebbero aggiungersi altri voti contrari all’aumento dalle fila del patto cui fa capo il 58% circa del capitale della societa’ che edita il Corriere della Sera.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari