VIOLENZA DONNE: CLAUDIA MORI, PRESTO PROGETTO FICTION RAI

RIVOLUZIONE COMINCIA IN TV; APPELLO DANDINI A NUOVO GOVERNO

(ANSA) – ROMA, 7 MAG – “Dobbiamo proprio cambiare schema di gioco. Cambiare linguaggio, stile, velocità . Dobbiamo avere il coraggio, lo dico con pudore, di fare una vera rivoluzione. So che le nostre forze da sole non bastano, ma dai simboli e dai messaggi che passano in tv dipende moltissimo la cultura diffusa”. Claudia Mori, in una intervista a Repubblica, spiega così il progetto di una serie tv per la Rai, in tempi brevi per essere pronti in pochi mesi contro la discriminazione delle donne: “Adriano ed io pensiamo che sia venuto il momento di uscire dal pessimismo e dal vittimismo, di uscire dal lamento e di proporre invece un modo positivo e aperto, forte, anche ironico per parlare di come le donne sono considerate nel nostro Paese”. Coinvolgendo “anche gli uomini” perché “fino a che questa resterà  una battaglia delle donne per le donne sarà  confinata in un ghetto”. Il progetto della fiction parte “da questioni molto semplici. Per esempio: le donne vengono pagate meno, qualunque cosa facciano. Dunque, è il messaggio, valgono meno. Se valgono meno sono trattate peggio, dunque possono essere trattate male, mal-trattate”. Gli appelli, aggiunge, “sono importanti per dare il senso di una spinta all’azione, ma poi ciascuno deve fare nel suo campo tutto quello che sa e che può “. E Serena Dandini, intanto, sul Corriere della Sera, fa un appello alla politica perché “questo nuovo governo con tutti i suoi difetti e le ‘convergenze parallele’ che non s’incontrano mai, potrebbe lasciare un segno, almeno per quel che riguarda la piaga del femminicidio”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi