Editoria

09 maggio 2013 | 14:36

GIORNALISTI: NEL 2012 SEGNO POSITIVO FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE

(AGI) – Roma, 9 mag. – Nonostante la presenza di molti rischi di carattere macroeconomico, il 2012 e’ stato un anno positivo per molti investimenti del Fondo pensione complementare dei giornalisti, invertendo il trend decisamente negativo del 2011. Nel bilancio consuntivo approvato all’unanimita’ dal Cda si segnalano performance significative: +6,99% nel comparto Prudente, +11,34 nel comparto Mix e +13,18 nel comparto Crescita. Il comparto Garantito ha avuto un 10,14% di incremento a fronte di un benchmark lordo del 6,50% e di un tasso netto di rivalutazione del Tfr del 2,94%. I gestori sono riusciti a ottenere buoni rendimenti – viene sottolineato in un comunicato – pur tenendo presente che per tutto il primo semestre la ristrutturazione del debito greco ed i timori sulla tenuta della Spagna avevano sostanzialmente bloccato i mercati. Il valore di ciascuna quota detenuta dagli iscritti al Fondo, inizialmente pari a 10 euro, risulta a fine 2012 pari a euro 11,631 per il comparto Garantito (10,564 a fine 2011), ad euro 13,470 per il comparto Prudente (12,591 a fine 2011), ad euro 12,748 per il comparto Mix (11,451 a fine 2011). Per il comparto Crescita il valore e’ risultato pari ad euro 8,056 in recupero sul valore del 2011 (7,118 a fine 2011). A conclusione dell’esercizio 2012, gli iscritti al Fondo risultano complessivamente 13.147 (13.481 nel 2011). Per l’anno in corso, secondo la generalita’ degli analisti presenta rendimenti molto compressi. I mercati finanziari subiranno ancora quest’anno l’influenza delle decisioni delle autorita’ monetarie. Allo stato, il primo trimestre 2013 fa registrare, per intanto, incrementi netti pari a -0,38% il Comparto Garantito (contro lo 0,62% del benchmark lordo e con rivalutazione del tasso TFR dello 0,66%), +0,41% il comparto Prudente (Benchmark lordo: + 0,33%), +1,17% il comparto Mix (Benchmark lordo: 1,48%) e +1,63% il comparto Crescita (benchmark lordo: +4,08%), con il mercato azionario europeo (Indice Eurostoxx 50) che ha riportato nello stesso periodo -0,45% e il mercato obbligazionario governativo europeo a breve termine (Indice JPMorgan Government Bond Emu 1-3 anni) lo 0,35%.