Comunicazione, Editoria

09 maggio 2013 | 16:09

News Corp: tv via cavo trainano conti 3* trim

MILANO (MF-DJ)–News Corp ha triplicato l’utile netto nel trimestre al 31 marzo scorso grazie in particolare al contributo della divisione specializzata nella televisione via cavo.
Nel dettaglio il colosso dei media, prossimo a dividersi in due nuove entita’ quotate frutto dello scorporo delle attivita’ di cinema e entertainment da quelle tradizionali della carta stampata, ha registrato nei primi tre mesi dell’anno, corripondenti al 3* trimestre dell’esercizio al 30 giugno prossimo, un utile netto di 2,85 miliardi di dollari (1,22 dollari per azione), in forte rialzo rispetto ai 937 milioni (0,38 dollari) del corrispondente periodo del 2012, mentre i ricavi sono cresciuti del 14% a 9,54 miliardi.
Nel trimestre, News Corp. ha contabilizzato 25 milioni di dollari di oneri legati al progetto di spin-off della divisione editoriale e costi relativi alle indagini in corso sullo scandalo delle intercettazioni illegali in Gran Bretagna per 42 milioni, in calo rispetto ai 63 milioni di un anno fa. à¿à¿
Il colosso dei media ha pero’ imputato a bilancio anche notevoli proventi una tantum frutto di alcune operazioni internazionali
come l’acquisizione di azioni della controllata tedesca Sky Deutschland e la vendita della quota di controllo di Sky Television
Network in Nuova Zelanda. I proventi operativi complessivi sono aumentati di circa il 4%. à¿à¿
A sostenere il conto economico e’ stato in particolare il segmento delle reti via cavo che ha visto l’utile operativo salire
del 17% grazie al buon andamento dei canali regionali sportivi, di FX Networks e di Fox News Channel. Tali reti hanno contribuito
a trainare la crescita dell’11% della quota di abbonati alle pay-tv del gruppo.
Il segmento televisivo, che comprende la rete Fox e le tv locali, ha invece visto solo un leggero aumento dei ricavi, ma anche una crescita dell’utile operativo del 15% nonostante il calo degli indici di gradimento di alcuni programmi di Fox nelle fasce di popolazione piu’ giovani. La crescita, ha spiegato la societa’ e’ stata sostenuta da minori costi di programmazione e dal raddoppio dei “ricavi di ritrasmissione”. Il segmento cinematografico ha inoltre riscontrato un aumento del 17% dei ricavi del 6% dell’utile operativo grazie anche al successo nelle sale di film come “Taken 2″ e “Vita di Pi”. à¿à¿
I forti risultati del business televisivo
e cinematografico sono stati pero’ bilanciati in negativo dal debole contributo delle attivita’ editoriali, dove l’utile
operativo e’ sceso del 35% in scia ad un calo dei ricavi del 4,3%. News Corp ha spiegato che il miglioramento delle performance
delle sue testate britanniche e’ stato compensato da minori ricavi in Australia e nei servizi di marketing per le imprese.
Le attivita’ editoriali, che includono testate storiche come il Wall Street Journal e il New York Post, l’agenzia Dow Jones Newswires e la pubblicazione di libri, saranno nei prossimi mesi scorporate in una nuova societa’ che manterra’ la denominazione di News Corp, mentre gli asset televisivi, cinematografici e di entertainment saranno inglobati in una newco chiamata ’21st Century Fox’. Lo scorporo sara’ discusso e votato nel corso di un’assemblea straordinaria convocata per l’11 giugno prossimo.
News Corp., proprietaria di Dow Jones & Co che, insieme a Class E., controlla quest’agenzia, ha ribadito la previsione su una crescita dell’utile operativo tra il 5% e il 9% per l’esercizio corrente che si chiudera’ il 30 giugno.