Editoria

17 maggio 2013 | 9:52

Rcs: Pesenti medita dimissioni da presidenza patto

ROMA (MF-DJ)–Il piano di ristrutturazione Rcs torna sul tavolo delle banche mentre Giampiero Pesenti starebbe meditando, dopo nove anni, di dare le dimissioni dalla presidenza del patto della societa’, senza pero’ uscire dall’accordo di sindacato. Lo scrive Il Sole 24 ore citando fonti vicine a Italmobiliare che riferiscono come Pesenti sia “stanco di mettere insieme i cocci” di un patto sempre piu’ fragile. Intanto il gruppo editoriale, secondo indiscrezioni citate dal giornale, avrebbe avviato formalmente all’inizio della settimana un nuovo confronto con alcune tra le banche finanziatrici per capire se ci sono i margini di manovra per modificare alcuni aspetti del percorso aumento-rifinanziamento faticosamente raggiunto negli scorsi mesi. Al momento, stando alle indiscrezioni riferite dal quotidiano, i colloqui sarebbero stati avviati con Intesa Sanpaolo, esposta per 300 mln e Ubi (200 mln). Non e’ chiaro se ci sarebbero gia’ al tavolo anche Bnl-Bnp Paribas (75 mln) e B.P.Milano (75 mln), mentre Unicredit, esposta per 110 mln, non sarebbe stata ancora coinvolta. I punti chiave su cui si starebbe lavorando per capire se si riesce a trovare una mediazione sono sostanzialmente due: il rimborso immediato di 200 mln di debito una volta chiuso l’aumento di capitale e i tassi di interesse applicati alle nuove linee di credito. L’obiettivo, conclude il giornale, sarebbe quello di limare sia la tranche di rimborso sia gli spread legati al rifinanziamento da 575 mln che presenta un costo medio, commissioni incluse, del 6,3%.