LIBRI: FILIPPINE CONTRO DAN BROWN, MANILA NON E’ UN ‘INFERNO’

(AGI/AFP) – Manila, 23 mag. – Manila non e’ un ‘Inferno’ bensi’ una porta per il Paradiso. Cosi’ il portavoce del governo della capitale filippina, Francis Tolentino, ha reagito alla pubblicazione dell’ultimo libro di Dan Brown, autore del celebre ‘Codice da Vinci’, che definice Manila ‘cancello verso l’inferno’. Una lettera e’ quindi partita dalla capitale filippina all’autore americano che, nel suo ultimo successo editoriale, affida a un personaggio del libro la descrizione della citta’, Babele di traffico e crimine.
“Un ritratto molto poco reale della nostra amata metropoli” dove vivono 1,65 milioni di persone, ha scritto Tolentino.
Non e’ la prima volta che Tolentino attacca Brown. Anche il ‘Codice da Vinci’ infatti non era piaciuto al cattolicissimo paese che l’aveva definito ‘offensivo’ e ‘sacrilego’. Tuttavia tra gli internauti la descrizione dell”Inferno’ Manila non ha suscitato gradi eco. Al contrario qualcuno ha dato ragione a Brown criticando Tolentino per le sue affermazioni: “Sembra che non sia mai stato a Manila”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari