La tv, il futuro di un’illusione: la riflessione di Mindshare

L’impatto della televisione commerciale sui consumi e sulla società , il ruolo del servizio pubblico, l’espansione della tv negli altri media e la nuova centralità  acquisita da questo mezzo grazie ai social network sono i temi che il ceo di Mindshare, Roberto Binaghi, e il chief marketing officer, Carlo Momigliano, hanno sottoposto a Maurizio Carlotti (vice presidente di Antena 3), Giorgio Gori e Carlo Freccero (direttore di Rai 4) in occasione del primo incontro del ciclo formativo ‘Purple Program’ organizzato da Mindshare.

Il momento più esilarante di questa rimpatriata di amici, cresciuti professionalmente in Mediaset, è stata la falsa telefonata di Margherita Hack, che si rammaricava di non poter essere presente all’incontro perchè invitata a colazione dal professor Valerio Onida.

Ecco la registrazione della telefonata e le slide delle relazioni dell’incontro, che si è svolto a Milano il 19 aprile 2013.

– La tv, il futuro di un’illusione – Slide (.pdf)

– La tv, il futuro di un’illusione – Atti del convegno (.pdf)

– La tv, il futuro di un’illusione – Estratto (.pdf)

– La falsa telefonata di Margherita Hack (.mp3)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Lo streaming on demand supera le pay tv nel Regno Unito con 15,4 milioni di abbonati

Mondiali 2018: spettatori a +18% sul 2014 (con partite divise tra Rai e Sky). Per la finale 4 milioni di contenuti social

Nel 2018 più di un’ora di tempo sarà spesa su video online. Previsioni Zenith: investimenti adv in crescita del 19%