Legnini pensaci tu

Giovanni Legnini, sottosegretario con delega all’Editoria e alla comunicazione istituzionale, è un uomo concreto, un politico puro che conosce bene i bilanci dello Stato e la macchina legislativa. Competenze essenziali per individuare le soluzioni per far uscire il settore editoriale dalla crisi.

Sul tavolo ha dossier che scottano: dai finanziamenti (pochi), agli ammortizzatori sociali (tanti), fino alla soluzione dell’annosa questione sull’equo compenso per il lavoro giornalistico. Imprese editoriali che chiudono, altre che entrano in crisi, migliaia di posti di lavoro a rischio: non bisogna necessariamente conoscere a menadito il settore per capire che quella che l’editoria sta attraversando è la crisi più nera che ha colpito questa industria. E anche la più complessa da risolvere, visto il clima non proprio favorevole agli aiuti di Stato, con i grillini che promettono sfracelli e le finanze che languono. Ne è consapevole Giovanni Legnini, il neo sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’Editoria, alla comunicazione istituzionale e pure all’attuazione del programma, incarico quest’ultimo che nel governo Monti era affidato al ministro Piero Giarda.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 439 – Maggio 2013

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mondadori Libri va sui mercati internazionali con il nuovo marchio Rizzoli Electa

PRINCIPALI NOTIZIE E INTERVISTE NEL NUMERO 487 – OTTOBRE 2017

PRINCIPALI SERVIZI E INTERVISTE NEL NUMERO 486 – SETTEMBRE 2017