Televisione

29 maggio 2013 | 15:59

Rai1: ”Techetechete”’, vista la rivista

(ASCA) – Roma, 29 mag – E’ stato il Neologismo dell’estate 2012: TecheTecheTe’, ovvero il titolo scioglilingua del programma televisivo piu’ seguito della stagione. Con una rinnovata veste grafica e un nuovo percorso editoriale TecheTecheTe’ torna tutte le sere alle 20.30 su Rai1 da lunedi’ 3 giugno. E con un altro sottotitolo: da ”Il Nuovo che Fu” a ”Vista la Rivista”. ”Techetechete’ e’ un modo originale, non banale ed intelligente di usare le immagini dell’ampio repertorio delle Teche Rai – culturalmente uno dei piu’ importanti – che ha raccontato e continua a raccontare il nostro Paese” ha detto Giancarlo Leone, direttore di Rai1. Se lo scorso anno TecheTecheTe’ giocava a proporre ogni sera il confronto tra 3 monografie di artisti di ieri e di oggi, in questa nuova edizione la regola e’ il tema: A come America, B come Bacio, C come Canzonissima fino alla Z come Zucchero, nel senso dell’amabilita’, della leggiadria. A 60 anni dall’esordio dei programmi televisivi (il 3 gennaio 1954 la RAI-TV dette il via alla programmazione regolare) TecheTecheTe’ analizza ogni singola voce illustrando per immagini come e da chi e’ stata raccontata in questo lungo arco di tempo. ”L’utilizzo del materiale di repertorio, soprattutto quello ”leggero”, da parte di Techetechete’ e’ fatto con creativita’ e qualita’ – spiega Barbara Scaramucci, Direttore di Rai Teche -, rendendolo un programma di successo”. Si parte lunedi’ 3 giugno, all’indomani della Festa della Repubblica, con I come Italia: un’esilarante parata di attori e cantanti per illustrare come e’ stato raccontato il nostro Paese – i nostri Eroi, i nostri tic, i nostri pregi – in oltre mezzo secolo di gag televisive e brani musicali a soggetto tricolore. Caratteristica principale resta l’incalzante intersecazione tra situazioni e personalita’, i voltapagina – ossia i siparietti in cui figure impertinenti liquidano con battute pertinenti la scenetta che precede – gli accostamenti sono audaci: Ignazio Silone chiosa Raffaella Carra’, Rita Levi Montalcini con Nino Manfredi, Enrico Berlinguer con Rosario Fiorello, Giorgio Almirante con Luciana Littizzetto, nella piu’ spavalda, sfacciata e sfaccettata Rivista di immagini: figure nobili della storia nazionale – letterati, scienziati, statisti – che hanno affidato alla televisione dal 1954 ad oggi il loro pensiero, che TecheTecheTe’ decontestualizza, ritaglia e trasforma in motto, in arguzia da palcoscenico. Confermata la buffa Passerella Finale, quest’anno commentata dalla voce di Johnny Charlton, il chitarrista dei Rokes, il gruppo inglese piu’ popolare in Italia negli anni ’60. La Sigla Mentre la sigla e’ stata convertita in un delirante miscuglio musicale : il TecheShake costruito su una cellula ritmica che incoraggia il movimento libero, una sorta di risposta italiana all’Harlem Shake, lo stile che sta spopolando negli Stati Uniti. Il TecheShake – ideato da due compositori, Eleonora Paterniti e Enzo Campagnoli con il coinvolgimento di Pasquale Panella e di una squadra di formidabili musicisti – estrapola e ricolloca tutto, nello stile del programma, dalla classica sezione fiati del rhythm and blues alla fanfara dei bersaglieri, dalle citazioni pop alle arie operistiche, dal giro di rock al nitrito del Cavallo Rai di Viale Mazzini. Il ballo: TecheShake Ma non basta: lo stesso brano e’ a sua volta associato a un ballo frenetico che si candida a diventare il tormentone da discoteca dell’estate 2013: e’ un mosaico di 4 danze che hanno decorato l’intrattenimento storico della televisione italiana: il ”Tuca Tuca” di Raffaella Carra’ (1971) , il ”Geghege”’ di Rita Pavone (1965) , il ”Testa Spalla” di Don Lurio (1973) e il ”Cicale” di Heather Parisi (1981). Queste 4 figure di ballo danno vita a una magnetica sequenza coreografica. E viste le date di nascita delle rispettive figure sorge addirittura il sospetto che siano stati proprio Rita Pavone, Raffa, Don Lurio e Heather a ispirare gli americani per l’Harlem Shake. L’ideatore del ballo-miscela del TecheShake e’ il coreografo Mvula Sungani.