Editoria: Anselmi, 2012 quinto anno consecutivo in rosso

(ASCA) – Roma, 5 giu – Prosegue il periodo nero per l’editoria italiana. Il 2012 infatti e’ il quinto anno consecutivo che si chiude con dati negativi per il settore. ”I quotidiani hanno registrato una flessione delle copie vendute del 6,6%, i settimanali del 6,4% e i mensili dell’8,9%. Negli ultimi cinque anni i quotidiani hanno perso oltre il 22% delle copie, piu’ di un milione di persone ha smesso di comprare ogni mattina il proprio giornale”. Lo ha detto il presidente della Fieg, Giulio Anselmi, nel corso della presentazione della consueta indagine della federazione sulla stampa in Italia. Preoccupanti, soprattutto, i dati della pubblicita’. Nel 2012 per il mercato pubblicitario e’ stato il peggior anno degli ultimi 20 anni. Il totale degli investimenti pubblicitari e’ stato pari a 7,442 miliardi di euro, il 14,3% in meno rispetto all’anno precedente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari