Giornalisti/Sicilia, Odg regionale: Inaccettabili insulti Grillo

“Attacco continuo e pesante al mondo dell’informazione”

Palermo, 5 giu. (TMNews) – “È pesante e continuo l’attacco al mondo dell’informazione e ai giornalisti, in questi giorni in Sicilia”. A denunciarlo è il presidente dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, Riccardo Arena, che con una nota ha commentato la difficile situazione che il mondo dell’informazione sta vivendo sull’isola.

“Ci sono i continui insulti di Grillo in piazza, con le inaccettabili ‘cacciate’ di cronisti indicati come ‘spregevoli’ – si legge nel comunicato -. C’è la richiesta di risarcimento da parte del sindaco di Marsala, Giulia Adamo, nei confronti della testata on line Marsala.it, diretta dal collega Giacomo Di Girolamo, per un assai presunto danno di immagine alla città . E poi le lettere di minacce recapitate ai principali quotidiani dell’Isola, l’ultima poche ore fa al Giornale di Sicilia”.

“Con forme e sistemi diversi, dalle irresponsabili invettive di Grillo contro i giornalisti e i cameramen – ha proseguito il presidente dell’Odg siciliano -, in piazze piene di gente, alle azioni giudiziarie pretestuose e intimidatorie, fino a veri e propri gesti criminali, consistiti nell’invio di buste contenenti polveri non individuate, la nostra professione è sotto attacco, in un momento storico in cui i giornali fanno i conti con la crisi della pubblicità  e delle vendite e con i tagli effettuati dagli editori”.

Quindi l’Ordine regionale sottolinea la vicinanza ai cronisti oggetto di attacchi: “L’informazione indipendente, libera e pluralista è per il nostro Paese una garanzia di democrazia – ha aggiunto Arena -. Ed è in nome di questo principio e del diritto insopprimibile della libertà  d’informazione e di critica che l’Ordine dei giornalisti di Sicilia è al fianco dei cronisti e degli operatori che lavorano in prima linea, dei colleghi del Giornale di Sicilia e di Marsala.it. Non permetteremo che possa essere messo in discussione il rapporto di fiducia tra gli organi d’informazione e i cittadini. Un rapporto che è alla base del lavoro di ogni giornalista”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi