USA: FBI HA ACCESSO GOOGLE E FACEBOOK,NYT ATTACCA OBAMA

‘PERSA CREDIBILITA’, SERVONO SPIEGAZIONI’

(ANSA) – NEW YORK, 7 GIU – Le telefonate ‘spiate’ ma anche l’accesso ai server di colossi come Microsoft, Google, Facebook, Skype e Apple, per estrarre foto, video e contatti controllando potenzialmente di fatto la vita di milioni di americani. Lo scandalo dei ‘controlli’ dell’Agenzia nazionale per la sicurezza (Nsa) si allarga, mentre il New York Times attacca duramente il presidente americano Barack Obama: “L’amministrazione ha perso credibilità “, afferma il quotidiano. E il comitato editoriale, uno dei più influenti degli Stati Uniti e che tradizionalmente appoggia le politiche dell’amministrazione, si spinge anche oltre: le telefonate spiate sono un “abuso di potere che richiede vere spiegazioni”, anche se il governo ha risposto “con le stesse banalità  che ha usato ogni volta che il presidente Obama è stato sorpreso a eccedere nell’uso dei suoi poteri”. Oltre ai tabulati delle telefonate, l’Nsa e l’Fbi – riporta il Washington Post – hanno accesso diretto ai server di nove giganti internet tramite un programma segreto, dal nome in codice Prism, che somiglia molto “a quello controverso voluto dal presidente George W. Bush dopo gli attacchi dell’11 settembre”. Un programma creato nel 2007, e al quale Microsoft é stata la prima a diventare partner nel maggio di quell’anno. Le aziende per aprire i loro server alle autorità  e acquistare l’immunità  da azioni legali devono ottenere una direttiva dal procuratore generale e dal direttore nazionale dell’intelligence. In pratica – afferma il Washington Post – hanno spazio di manovra, come dimostra il fatto che Apple abbia resistito per anni prima di entrarvi a fare parte. Google precisa di comunicare “i dati al governo nel rispetto della legge. Alcuni sostengono che abbiamo creato una porta per il governo nel nostro sistema, ma Google non ha alcuna porta per il governo per accedere ai dati degli utenti”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi