Usa: scandalo Prism. Google, dati diffusi solo in conformita’ a leggi

(ASCA) – Roma, 7 giu – Google ”non ha mai avuto una ‘back door’ per garantire l’acceso diretto ai server alle agenzie governative”. Cosi’ la societa’ prende le distanze dallo scandalo che ha investito l’intelligence dell’amministrazione Obama, accusata di accedere ai server delle piu’ importanti aziende della Silicon Valley. In un comunicato Google nega un suo coinvolgimento nella operazione denunciata dal Guardian e dal Washington Post, assicurando di ”curare in maniera particolare la sicurezza dei dati” dei suoi utenti e precisando che ogni diffusione di informazioni personali viene ”effettuata in conformita’ con la legge” e non prima di un attento esame delle richieste ricevute. (fonte Afp).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi