USA: DATAGATE; GURU WEB, E’ INTRUSIONE IN DIRITTI UMANI

LO SOSTIENE TIM BERNERS LEE, IN INTERVISTA A FINANCIAL TIMES

(ANSA) – ROMA, 11 GIU – “La sorveglianza del governo senza garanzie è un’intrusione nei diritti umani più basilari che minaccia le fondamenta di una società  democratica”: è questo il parere di Tim Berners-Lee, uno dei padri del World Wide Web e della sua filosofia aperta, in merito al Datagate, lo scandalo legato all’agenzia NSA americana e al programma Prism che ha visto coinvolti colossi del web e della telefonia. “Nel corso degli ultimi due decenni il web è diventato parte integrante delle nostre vite. Una traccia di come lo usiamo può rivelare cose molto intime e personali. Un magazzino di queste informazioni per ogni persona costituisce una grande responsabilità : di chi ti fideresti per decidere a chi dare accesso, o per mantenerlo sicuro?”, questo l’interrogativo che Berners-Lee pone al Financial Times che lo ha interpellato sulla vicenda. Il guru del web, infine, incalza gli utenti della Rete a chiedere una migliore protezione legale e salvaguardia della privacy riguardo le comunicazioni online, “incluso il diritto di essere informati quando qualcuno richiede o immagazzina i propri dati”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci