CATRICALA’,DA PRODUTTORI TV NO AUDIOVISIVO IN LIBERO SCAMBIO

VICEMINISTRO IN AUDIZIONE A CAMERA, DIFENDERE EUROPA

(ANSA) – ROMA, 12 GIU – I produttori cinematografici e televisivi, autori, registi e attori ci chiedono con forza di difendere la nostra cultura e di escludere l’audiovisivo dal trattato di libero scambio fra Europa e Usa. Oggi c’é una asimmetria di disciplina tra chi fa la tv tradizionale e chi opera su internet, ha spiegato a proposito dell’eccezione culturale il viceministro allo sviluppo economico Antonio Catricalà  in audizione alla Camera. Sarebbe molto grave un cedimento nella difesa del settore dell’audiovisivo europeo nella trattativa sul libero scambio con li Stati Uniti. “Non si può fermare il vento con le mani, il progresso, ma non si possono nemmeno favorire operatori che non investono in contenuti, non creano ricchezza e non pagano tasse in Europa”, conclude.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi