Telecom/ Brunetta: Favorire scorporo ma giudicheremo dettagli

Inutili accelerazioni pericolose e richieste ok a scatola chiusa

Roma, 12 giu. (TMNews) – “Sulla divisione in due società  dell`attuale Telecom Italia, da una parte i servizi e dall`altra la gestione e lo sviluppo della rete, non servono pericolose accelerazioni né tantomeno il proliferare di annunci e di richieste di sostegno a scatola chiusa”. Lo ha affermato in una dichiarazione il presidente dei deputati del Pdl Renato Brunetta.

“Bene fa il vice ministro alle Comunicazioni, Antonio Catricalà , a tenere alta l`attenzione e a sottolineare che è un progetto importantissimo, deciso e condotto dal mercato e sul quale occorre l`incoraggiamento di tutti. Aggiungo però – ha proseguito Brunetta- che per poter favorire occorre prima capire, e per capire conoscere quali sono le implicazioni del progetto di scorporo sulla competitività  del sistema delle telecomunicazioni, sulle regole per la parità  di accesso, sui costi e sul sistema regolatorio”.

“L`Autorità  di vigilanza ha annunciato nei giorni scorsi un approfondimento con Telecom Italia sul perimetro della rete oggetto di separazione, sulla governance della nuova società , sui tempi e modi di attuazione del progetto. Aspettiamo allora – ha concluso il capogruppo Pdl- di conoscere i dettagli e poi potremo giudicare, nel rispetto dei principi e degli interessi generali che sono e restano: concorrenza tra operatori, trasparenza per i cittadini, innovazione e modernizzazione delle reti di telecomunicazione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G