Pubblicità 

13 giugno 2013 | 11:48

Pubblicità / Nielsen: mercato -18,2% in aprile, stima 2013 -10,8%

Quotidiani -24,8%, tv -18,9%, radio -17,4% e internet -0,6%
Milano, 13 giu. (TMNews) – Dopo un mese di gennaio a -15,3%, febbraio a -17,7% e marzo a -22,7%, il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia durante il mese di aprile chiude a -18,2% portando il primo quadrimestre 2013 (gennaio-aprile) a -18,7%. E’ la stima di Nielsen/Fcp che prevede una chiusura del 2013 a -10,8%, il che significa una forbice che potrà  ragionevolmente andare dal -10% al -11% sul totale del mercato. Il dato di aprile è leggermente meno negativo rispetto al -18,9% del primo trimestre 2013, ma continua il momento di difficoltà  del mercato, con dinamiche differenti a seconda dei media. I quotidiani rimangono ampiamente in negativo (-24,8%), anche se il decremento si riduce rispetto ai mesi precedenti, e lasciano sul terreno in questi primi quattro mesi dell’anno poco meno di 100 milioni di euro. I periodici, che stanno attraversando un momento di difficoltà , con ipotesi di chiusura di alcune testate e di passaggi di editore e concessionari nei prossimi mesi, chiudono a -23,9%. La tv si attesta a -18,9%, con variazioni notevoli per quanto riguarda i singoli editori, confermando un andamento in linea con il mercato totale. La radio continua il proprio trend chiudendo a -17,4%, mentre cinema e direct mail segnano rispettivamente -19,9% e -20,3%. Anche internet ad aprile segna un andamento leggermente negativo (-0,6%), ma il quadrimestre resta in crescita del +1,4%. Secondo Nielsen nei primi quattro mesi dell’anno il mercato della comunicazione ha perso 500 milioni di euro, circa la metà  dei quali sono stati lasciati sul campo a causa del rallentamento dei primi cinque settori merceologici. Gli alimentari, infatti, calano al -20,7%, le automobili (-30,1%) non si discostano molto dal -30,4% del primo trimestre 2013 e le telecomunicazioni rallentano il decremento a -11,2% (con una crescita del +5,6% aprile 2012 su aprile 2013). Anche il settore farmaceutico, che nel 2012 aveva tenuto, chiude in negativo al -14,8%. L’unico settore in crescita e quello dell’informatica (+62,4%), che porta al mercato circa 30 milioni di euro in più, a compensazione di quanto perso dal settore finanziario (-26,9%). La distribuzione ha segnato un’inversione di tendenza, passando da -10,4% nel primo trimestre 2013 a -2,9% nel quadrimestre, con un aprile in crescita del +18,6%. Le previsioni per la fine del 2013 sono basate su una stime di chiusura del primo semestre a circa -14,8%, mentre nel secondo semestre dovrebbe esserci un recupero, anche se sempre con segno negativo, a -4,5%. In questo scenario, la tv sarebbe in linea con il mercato, con un primo semestre intorno al -17% e un recupero tra il -3% ed il -2% nel secondo, con una variabilità  di risultati per singolo editore molto elevata. La stampa periodica chiuderebbe intorno al -19%, quella quotidiana al -23%, la radio intorno al -12% e il direct mail al -16%.