Come i media digitali influenzano le redazioni tradizionali

Il digitale ha fatto il suo ingresso nelle redazioni di tutto il mondo modificando strumenti, modalità  di lavoro e rapporti con i lettori. Dal recente Digital Journalism Study condotto su 550 giornalisti in 15 Paesi da Oriella Pr, un network internazionale che riunisce 16 agenzie di comunicazione, emerge che un terzo delle testate considerate mette in atto la politica del ‘digital first’ (news online in tempo reale) attraverso l’utilizzo di applicazioni mobile, video prodotti internamente e social media, concepiti come nuove risorse in continua crescita. Il 34% dei giornalisti intervistati sostiene che i media digitali hanno migliorato la qualità  del lavoro, mentre il 32% ammette di avere delle difficoltà  a stare al passo con l’evoluzione dei social media.

Ecco nel documento e nell’infografica allegati come stanno cambiando i business editoriali, le modalità  di reperimento delle fonti giornalistiche e gli atteggiamenti del pubblico nei confronti della stampa tradizionale.

– Digital Journalism Study – Sintesi (.docx)

– Digital Journalism Study – Infografica (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Banda ultralarga, green economy, ambiente e nuove tecnologie. Il Dl semplificazioni in Gazzetta Ufficiale

Banda ultralarga, green economy, ambiente e nuove tecnologie. Il Dl semplificazioni in Gazzetta Ufficiale

Agcom: SIC 2020 vale 50 miliardi, -6 causa Covid; perso un miliardo di ricavi adv; online cresce il peso delle piattaforme, cala quello dei publisher

Agcom: SIC 2020 vale 50 miliardi, -6 causa Covid; perso un miliardo di ricavi adv; online cresce il peso delle piattaforme, cala quello dei publisher

Covid: conti stabili per i media (-0,5%). Mediobanca: bene big web, gdo e farmaceutico, crollano aerei, petroliferi e moda

Covid: conti stabili per i media (-0,5%). Mediobanca: bene big web, gdo e farmaceutico, crollano aerei, petroliferi e moda