Rcs: parte riposizionamento soci post aumento

MILANO (MF-DJ)–L’aumento di capitale da 421 milioni che Rcs si appresta a varare lunedi’ 17 giugno avverra’ a un prezzo di 1,235 euro per i 323,8 milioni di titoli ordinari, con un sconto del 30% sul Terp, e a 0,268 euro per i 77,9 milioni di azioni di risparmio.   A governare le sorti di Rcs, il cui timone, scrive MF, almeno per la prima fase della ristrutturazione restera’ nelle mani dell’attuale a.d. Pietro Scott Jovane, saranno Mediobanca, che confermera’ il suo ruolo (13,6%), Fiat che oltre alla quota oggi sindacata (10,2%) comprera’ almeno un altro 2,8% portandosi sopra il 13% e Intesa Sanpaolo che al 5% detenuto aggiungera’ sicuramente un ulteriore 2,5% e poi garantira’ almeno il 40% dell’inoptato essendo la banca piu’ esposta nei confronti del gruppo tra quelle del consorzio che mettera’ sul piatto 184,5 dei 400 milioni di aumento in azioni ordinarie, 380 dei quali gia’ garantiti. In questo modo Ca de Sass si rafforzera’ salendo sopra la soglia del 10%. Chi scendera’ tra i grandi soci del patto saranno i Pesenti, oggi al 7,747%: sottoscriveranno per il 3,5-4%. Gli altri pattisti manterranno le posizioni. Fuori dal sindacato, il primo socio Rotelli (16,55%) fara’ la sua parte anche per non bruciare i 390 milioni investiti finora. I Benetton (5,1%) non partecipando si diluiranno, come i Merloni (2%). Della Valle fara’ la sua parte e ancora di piu’ avendo capitale per rastrellare sul mercato i diritti: l’inoptato potrebbe essere del 20%. C’e’ chi lo vede, post-aumento, tra il 10-15% se non di piu’. Quindi il nuovo asse, che si riunira’ in un patto di consultazione vedra’ protagonista soprattutto Intesa, Fiat, Rotelli e forse mr Tod’s. Mediobanca, che accompagnera’ la fase-due di Rcs, come conseguenza della revisione delle strategie che emergeranno dal nuovo piano industriale, nel tempo si diluira’ ponendo la quota tra le attivita’ disponibili per la vendita.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari