Rcs: giornalisti e sindacati chiedono partecipare aumento comprando a sconto

Di Andrea Montanari
MILANO (MF-DJ)–Avviato definitivamente il cantiere dell’aumento di capitale a prezzi stracciati, scattano le manovre tra i grandi soci del patto e quelli fuori per definire i nuovi pesi e i nuovi ruoli per la fase-due del progetto di rilancio. Ma dopo lunghe riflessioni si stanno muovendo anche i dipendenti della casa editrice, in particolare quelli dell’area Media-quotidiani. Come risulta a milanofinanza.it, infatti, poche ore fa il comitato di redazione del Corriere della Sera e della Gazzetta dello Sport, assieme alla rappresentativa sindacale di grafici e poligrafici, la Rsu, ha chiesto formalmente all’a.d. Pietro Scott Jovane di partecipare, in qualche modo, all’operazione di ricapitalizzazione. “Facciamo seguito a un ragionamento sull’aumento di capitale, gia’ avviato in vista delle definizione delle regole durante il cda di ieri”, si legge nella missiva inviata al top manager. “Proponiamo di valutare la possibilita’ di offrire una quota di azioni ai dipendenti di Rcs MediaGroup, a un prezzo evidentemente piu’ favorevole rispetto a quello stabilito per il mercato. Una scelta che segnerebbe la volonta’ di consolidare il rapporto tra dipendenti e gruppo e che in prospettiva potrebbe portare a un maggiore coinvolgimento della forza lavoro nella gestione della societa’”. I sindacati uniti propongono anche una via contrattuale per risolvere la situazione. “Si potrebbe anche ipotizzare di agire in forma volontaria nell’ambito degli accordi di secondo livello, concambio di ferie non godute o altre voci di modalita’ simile. Colga l’interesse di tutti lavoratori a trovare una formula che abbia come obiettivo il consolidamento della societa’”, concludono cdr e Rsu. Contemporaneamente, in queste ore e’ in corso l’assemblea generale dei giornalisti e dei dipendenti della divisione Periodici per affrontare il tema della vendita o chiusura di 10 testate e per la cassa integrazione straordinaria di oltre 100 membri delle varie redazioni. E secondo quanto risulta a milanofinanza.it, proprio per superare questo scoglio ieri e’ arrivata una nuova offerta da parte della concessionaria Visibilia di Daniela Santanche’ che si propone di rilevare oltre alle testate gia’ di suo interesse (Novella2000, Visto, Astra e l’Europeo) anche i mensili Ok Salute e Bravacasa. Una mossa per sparigliare le carte rispetto agli altri rivali in corsa, ovvero Prs e la Guido Veneziani Editore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari