AGENDA DIGITALE: BRUNETTA, BUON LAVORO AL MISTER FRANCESCO CAIO

(AGI) – Roma, 14 giu. – Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl, in una nota afferma: “E’ passato esattamente un anno dal lancio della Agenda digitale e dalla nascita della Agenzia per l’Italia digitale, annunciati con grande enfasi dal governo di Mario Monti lo scorso 15 giugno. Un anno perso, visto che l’Agenzia non e’ mai partita e l’Agenda registra un preoccupante nulla di fatto. Con l’annuncio di una nuova Missione e di un nuovo Mister per l’Agenda digitale il governo di Enrico Letta tenta di ripartire. A Francesco Caio e al comitato di tre esperti che lo affiancheranno i piu’ sinceri auguri di buon lavoro e un consiglio semplice: si concentrino sui progetti concreti”.
“Penso – prosegue Brunetta – alla fatturazione elettronica, ai decreti di attuazione del codice della amministrazione digitale, all’e-commerce e ai pagamenti elettronici, agli open data e al censimento continuo. Tutto e’ pronto basta rimboccarsi le maniche e far partire una per una le tante linee di lavoro della tanto annunciata rivoluzione digitale”. “Per Caio si tratta di un ritorno sulla scena digitale, esperto di reti e di telecomunicazioni, gran suggeritore per il famoso piano su Telecom Italia che ha fatto fibrillare il governo Prodi. E’ un mondo che conosce e spero riesca a fare bene, ma ricordi che questi non sono piu’ i giorni delle strategie industriali e finanziarie, sono i giorni dei piccoli passi, delle decisioni minute, della realizzazione di impegni gia’ presi. Tolga enfasi mediatica e metta forza amministrativa. Viceversa finira’ anche lui a sottoscrivere un, ulteriore, flop digitale. Le forze politiche sono tutte d’accordo e non corre giorno senza un richiamo all’urgenza di amplificare l’uso delle tecnologie dell’informazione per il passaggio al digitale delle pubbliche amministrazioni e per favorire gli investimenti dei privati in un settore determinante per la nostra economia e per il lavoro dei piu’ giovani. E’ ora di passare dalle parole ai fatti. La maggioranza sosterra’ anche in questo il governo, invitiamo pero’ il presidente Letta a informarci prima e meglio sui progetti dell’Agenda digitale e sui loro tempi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi