TV: NEWSMEDIASET, DOMANI REDAZIONE IN SCIOPERO

CDR, MANCATE RISPOSTE AZIENDA SU RIDUZIONE ORGANICI

(ANSA) – ROMA, 16 GIU – I giornalisti di NewsMediaset scioperano il 17 giugno, “dopo che per mesi l’azienda ha rifiutato di dare risposta alla richiesta di affrontare il problema degli organici e delle risorse necessarie per realizzare gli obiettivi dati alla testata”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dal comitato di redazione della testata in cui si fa notare che “dalla sua nascita l’agenzia NewsMediaset, che oltre a fornire servizi ai telegiornali garantendo la copertura del territorio nazionale realizza anche il canale allnews Tgcom24 e tutto il sistema integrato multipiattaforma dell’informazione Mediaset, è stata presentata come il fulcro della strategia di sviluppo dell’azienda di fronte al ridursi del ruolo dei media generalisti tradizionali. Dopo nemmeno tre anni il progetto si ferma, il corpo redazionale viene diviso tra più testate, assistiamo a un’inversione di rotta inspiegabile”. Secondo il Cdr, “i sacrifici delle redazioni non vengono riconosciuti e i giornalisti si ritrovano a dover fare fronte, a ranghi ridotti per il trasferimento di colleghi su altre testate (il riferimento è a TgCom24 e a Videonews, ndr) e per la mancata conferma di contratti a tempo determinato inseriti strutturalmente nell’organizzazione produttiva, alla stessa mole di lavoro già  giudicata insostenibile”. L’Assemblea “conferma la pienezza del mandato dell’attuale CdR cui ha affidato un pacchetto di cinque giorni di sciopero a sostegno della richiesta di un indifferibile investimento sulla testata. La riduzione degli organici, la divisione in due testate di quello che solo pochi giorni prima era stato presentato come l’unico esempio europeo di sistema integrato, il rifiuto della stabilizzazione dei precari non sono – conclude la nota – risposte accettabili”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi