Sky si riorganizza. Nasce la Direzione Programming guidata da Scrosati nominato executive vp programming

In Sky Italia nasce la direzione Programming in cui confluiscono le attuali direzioni Cinema, Entertainement, Partner Channels e Sky TG24 che raggrupperà così tutti i contenuti editoriali non sportivi prodotti e distribuiti dalla piattaforma Sky.

La guida della nuova direzione viene affidata ad Andrea Scrosati che viene nominato executive vice president Programming.  La Direzione Programming gestirà dunque tutti i canali a brand Sky: SkyUno, SkyArte, Sky3D, l’offerta cinema dei canali SkyCinema, l’offerta news di SkyTg24, i rapporti e la gestione dei canali partner presenti sulla piattaforma, l’offerta in chiaro del canale Cielo.  Un modello organizzativo già collaudato dalle pay tv del Gruppo in Gran Bretagna e in Germania, dove si è dimostrata tutta la sua efficacia nel garantire agli abbonati un’eccellente offerta televisiva.  In questa nuova struttura Sarah Varetto, nominata vice president News, oltre a continuare a guidare SkyTg24,  affiancherà Andrea Scrosati nelle attività strategiche della direzione.

“Sky ha uno straordinario patrimonio di contenuti di pregio, ma ha anche grandi potenzialità di accrescerne ulteriormente la qualità e di investire su nuovi format e nuovi linguaggi televisivi”, commenta Andrea Zappia, amministratore delegato di Sky Italia, “la scelta di creare questa nuova direzione nasce con questo intento e la grande professionalità e la profonda conoscenza del mezzo televisivo di Andrea Scrosati sono la migliore garanzia del raggiungimento di questo importante obiettivo. Si tratta anche di un’occasione importante di crescita per Sarah Varetto che in questi due anni di gestione di SkyTg24 ha ottenuto straordinari risultati a partire dalla realizzazione delle maratone elettorali e dei “confronti tv” che hanno segnato un punto di svolta nell’informazione politica italiana”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Crimi: tetto a raccolta e limite a contributi per singolo editore. L’Ordine? Anacronistico

Olimpiadi, Malagò: spero nella candidatura a tre ma il Coni fa gli interessi del Paese

Michele Lupi lascia la Mondadori per un gruppo del lusso