Per le aziende editoriali in regola previsti 10 mln di euro

Ridistribuiti tra le aziende editoriali in regola i primi 10 milioni di euro recuperati con il lavoro congiunto del dipartimento editoria di Palazzo Chigi e della Guardia di finanza contro le frodi. Lo riferisce un comunicato.

A beneficiarne sono le aziende in regola con i requisiti per la concessione dei contributi, che hanno ricevuto in questi giorni la quota spettante. Il sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all’editoria, Giovanni Legnini, ha espresso soddisfazione per il concretizzarsi dell’azione di controllo da lui fin da subito sostenuta.

“Intendo accentuare i già intensi, seri e imparziali controlli per il rispetto delle regole, così da assicurare a tutti un esame rigoroso di servizio al sistema editoriale e ai cittadini tutti”, aveva infatti affermato il sottosegretario nell’assumere l’incarico. Una promessa mantenuta, l’inflessibilità verso chi froda lo Stato, “che ci permette adesso – ha concluso Legnini – ridistribuendo i dieci milioni di euro finora sequestrati, di rendere merito a imprese editoriali, giornalisti, operatori della comunicazione e lavoratori editoriali che ogni giorno lavorano onestamente e seriamente in nome del pluralismo dell’informazione e per questo ricevono il nostro contributo”.

Sul sito del Governo (www.governo.it/die) l’elenco delle aziende destinatarie della somma alla voce contributi erogati/contributi editoria/recupero quota contributo alla stampa per l’anno 2010). Roma, 19 giu. (TMNews)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Copyright Ue, Crimi: su direttiva pensiamo a deterrenti. Dobbiamo immaginare il futuro, non regolamentare il passato

Cairo: positivo l’esordio di Cook. Per La7 +13% nella raccolta pubblicitaria a settembre

‘Codice Rocco’: infuriano le polemiche sui metodi del portavoce del governo Rocco Casalino