Il gruppo francese Meltygroup sbarca in Italia

Meltygroup, il gruppo francese di informazione online dedicato ai lettori dai 18 ai 30 anni, ha scelto l’Italia, in particolare Milano, per aprire la sua prima sede estera. Il portale di informazione generalista melty.it è già in Rete da fine luglio 2012 e tra due settimane sarà visibile anche il primo sito tematico a esso collegato, meltyBuzz.it, su argomenti di attualità del Web, sempre per lettori giovani. A maggio 2013 il portale ha registrato in un mese 1 milione di contatti unici. “Siamo convinti che otterremo anche in Italia risultati ‘cool’ come in Francia”, ha detto all’inaugurazione della sede milanese Jeremy Nicolas, che insieme con Alexandre Malsch ha fondato Meltygroup nel 2008. La storia della loro start up inizia sui banchi della scuola di informatica. “Abbiamo iniziato a pensare di aprire un sito di informazione per studenti quando avevamo circa 19 anni”, ha raccontato Malsch il quale adesso di anni ne ha 28 e con il suo socio Nicolas, di 27 anni, gestisce un gruppo che in Francia possiede 8 siti web, che trattano argomenti come l’attualità, l’entertainment, la moda, la cucina, la vita studentesca. Dai loro studi di informatica è nata Shape, la piattaforma tecnologica che con un algoritmo permette alle redazioni di conoscere in tempo reale i temi che hanno o avranno più seguito per il loro target di lettori. Riguardo melty.it il cofondatore Malsch ha definito gli obiettivi: “Mentre in Francia per il 2013 ci aspettiamo un fatturato tra i 4,5 e i 5 milioni di euro, in Italia attendiamo un risultato di 150.000 euro alla fine di quest’anno e di 1 milione di euro alla fine del 2014″.(ANSA, 19 giugno 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Tv resta focolare domestico per il 97% delle famiglie italiane. Auditel: ma decolla la fruizione individuale

Rai, Usigrai scrive a Fico, Casellati e Vigilanza: con riproposizione di Foa per la presidenza attenzione a rischi illegittimità

M5S attacca Odg: non serve. Abolizione già sul tavolo del governo. Replica Fnsi: ritorsioni non fermeranno la stampa