Rcs lancia a guida di Milano per smartphone e tablet

Unire informazione e servizi per il cittadino, in una applicazione gratis che consente di organizzare al meglio il proprio tempo a Milano, utilizzando smartphone e tablet. E’ l’idea di City1Tap Milano, guida della città pensata per i dispositivi digitali, già disponibile per piattaforma Android e che lo sarà entro questa settimana anche per iOS. Il progetto è stato lanciato da RCS Mediagroup, in collaborazione con Accenture (azienda di consulenza direzionale e servizi tecnologici), con la previsione di poterlo replicare in altre città e proporre in futuro una versione in lingua inglese per i turisti. Il Corriere sarà presente su City1Tap con le notizie dell’edizione mobile del Corriere Milano, visibili gratuitamente, e le recensioni degli avvenimenti cittadini di ViviMilano. Per l’utente che scarica l’applicazione sarà possibile leggere le notizie, conoscere i tempi di attesa del bus (grazie alla collaborazione con Atm, l’azienda di trasporti milanese), localizzare il posto di bike sharing più vicino, prenotare un taxi o un tavolo al ristorante, acquistare un biglietto per il teatro o conoscere le offerte speciali del supermercato. Inoltre nell’area ‘Risparmia’, sulla schermata principale dell’app, sarà visibile una mappa delle occasioni anche per prodotti o servizi scontati e proposti in base al motore comportamentale che delinea un profilo degli interessi possibili dell’utente in base all’utilizzo. Il tutto sarà condivisibile sui principali social network. “Cerchiamo per i lettori il raccordo tra servizio e sentirsi parte del Paese”, ha commentato Daniele Manca, vicedirettore del Corriere della Sera, in occasione della presentazione della nuova app, avvenuta oggi presso la sede del giornale a Milano.(ANSA, 25 giugno 2013).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Crimi: tetto a raccolta e limite a contributi per singolo editore. L’Ordine? Anacronistico

Olimpiadi, Malagò: spero nella candidatura a tre ma il Coni fa gli interessi del Paese

Michele Lupi lascia la Mondadori per un gruppo del lusso