Trovato l’accordo tra editori e Comuni per le rassegne stampa istituzionali

“L’accordo siglato tra gli editori aderenti al Repertorio Promopress e l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani è un segnale importante di sensibilità e di impegno concreto nell’attività di tutela dei diritti d’autore nelle rassegne stampa. Occorre salvaguardare il prodotto editoriale di qualità e tutte le risorse – economiche, umane e tecniche – indispensabili non solo per la sua realizzazione ma, più in generale, per la sopravvivenza di una informazione libera e credibile. Libertà di stampa e pluralismo, infatti, sono possibili solo con imprese editrici libere ed economicamente sane, che operino in un contesto di regole di mercato.”

Giulio Anselmi, presidente Fieg

Così il presidente della Fieg Giulio Anselmi e il Presidente f.f. dell’ANCI Alessandro Cattaneo commentano la recente Intesa sottoscritta tra l’Anci e gli editori del Repertorio Promopress, nato nel luglio 2012 su iniziativa della Federazione Italiana Editori Giornali. L’Intesa segna l’avvio di un percorso di collaborazione volto ad individuare e a promuovere un modello di fruizione delle rassegne stampa istituzionali dei Comuni Italiani non lesivo dei diritti d’autore né, al contempo, delle specifiche esigenze informative dei Comuni.

“Gli Editori aderenti al Repertorio Promopress” – continua Anselmi – “riconoscono la funzione istituzionale svolta dai Comuni Italiani e ritengono, dunque, opportuno individuare un modello di fruizione della rassegna stampa che non penalizzi le specifiche esigenze informative legate alle attività istituzionali dell’ente pubblico locale rispetto al territorio di riferimento. Le Parti si sono inoltre impegnate a promuovere sul territorio iniziative congiunte di formazione e di informazione, con specifico riferimento anche alla verifica, in capo ai soggetti fornitori di servizi di rassegna stampa, della titolarità dei diritti di utilizzazione economica.”

“Tenere insieme – sottolinea Cattaneo – le esigenze di chi ha la necessità di informare i cittadini sulle proprie attività istituzionali con quelle di chi ha la titolarità di un diritto d’autore incalpestabile: con questo obiettivo abbiamo aderito con convinzione alla formulazione di un accordo che ci auguriamo possa fungere da ‘best practice’ riproducibile su scale diverse nel mondo della pubblica amministrazione locale e nazionale. E per questo, assieme a FIEG, lavoreremo per formare e informare sui temi del diritto d’autore, ma non solo. L’obiettivo sarà quello di mettere a punto un sistema modulare di rapporto fra amministrazioni e editori, per garantire al comune più piccolo, come a quello più grande la possibilità di dotarsi di una rassegna stampa ‘certificata’ e adeguata alla attività istituzionale.”

 

(Foto in homepage: Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, Usigrai scrive a Fico, Casellati e Vigilanza: con riproposizione di Foa per la presidenza attenzione a rischi illegittimità

M5S attacca Odg: non serve. Abolizione già sul tavolo del governo. Replica Fnsi: ritorsioni non fermeranno la stampa

Rai: il 26 settembre alle 13 audizione per Foa in Vigilanza. Alle 19.30 il voto della commissione